Fotobar

Fotobar è la parete per le immagini che la Biblioteca Astense Giorgio Faletti dedica ai fotografi non professionisti.
Uno spazio volutamente conviviale, in cui gli utenti della biblioteca – depositaria di un mondo di scrittura e parole – possono incontrare il mondo delle immagini e della scrittura istantanea che la luce fissa nelle fotografie.
Per questo si è deciso di attrezzare un’intera parete dell’area ristoro della biblioteca, in modo che coloro che si concedono una pausa per un caffè possano ritrovarsi in un ambiente che propone allo sguardo ulteriori sensazioni, al di là della logica, spesso formale, delle mostre o delle esposizioni.
A inaugurare questo nuovo spazio la Biblioteca ha invitato Claudia Fresu, le cui immagini resteranno esposte per un mese.

 

Come fare per esporre
Gli artisti interessati ad esporre possono contattare la Biblioteca presentando una selezione di 15 immagini in bianco e nero o a colori in alta definizione (300dpi) e in formato 20 x 30 centimetri, su supporto digitale (CD o DVD), alla Direzione della Biblioteca Faletti. Le immagini devono illustrare un progetto oppure svolgere un tema o presentare una specifica ricerca o, ancora, raccontare uno specifico fatto, un avvenimento, una storia. Questo per dare minima coerenza all’insieme delle immagini che verranno esposte.
La Biblioteca valuterà, attraverso un suo specifico gruppo di lavoro, quali autori potranno accedere allo spazio espositivo e procederà in proprio alla stampa delle immagini che, al termine del periodo espositivo, verranno consegnate all’autore.
Le opere di ogni autore verranno esposte per la durata di un mese nello spazio Fotobar. Analogamente, durante il periodo espositivo, anche il sito internet della biblioteca proporrà in un suo specifico spazio una galleria digitale delle immagini presenti.
La Biblioteca conserverà nel proprio archivio copia del supporto digitale contenente le opere di ogni autore esposto e si riserverà il diritto di utilizzo delle immagini esclusivamente per fini didattici e istituzionali.
Non saranno ammessi autori che svolgono professionalmente l’attività di fotografo;non saranno altresì ammesse – ovviamente – opere che non possano essere esibite alla visione di minori.
Grazie al sostegno garantito all’iniziativa da Astifoto, che stamperà le immagini selezionate via via dalla Biblioteca, partecipare a Fotobar non avrà per i fotografi alcun costo, se si esclude, unica condizione, l’iscrizione alla Biblioteca tramite l’acquisto della tessera (costo 10 euro) che permette di accedere a tutti i servizi della struttura per un anno intero.

Condividi questa pagina su