Sovrani d’Oriente e Signori d’Occidente

Sovrani d’Oriente e Signori d’Occidente

L’Associazione culturale Bisanzio presenta: Sovrani d’Oriente e Signori d’Occidente,i Comneni di Bisanzio e l’Italia Introduzione Nicola Bergamo, presidente Associazione Culturale Bisanzio Interventi Prof. Renato Bordone, Università di Torino Prof. Mario Gallina, Università di Torino Prof. Paolo Cesaretti, Università di Bergamo Conclusioni Sergio Berruti, membro direttivo Associazione Culturale Bisanzio Abstract La dinastia Comnena (1081-1180) rappresenta un secolo di innovazione. L’Impero di Bisanzio, dopo varie vicende, si trovò al limite della sua stessa esistenza. Grazie all’abilità di Alessio I, fondatore della dinastia, Costantinopoli divenne nuovamente il centro del mediterrano orientale. Nello stesso periodo la chiamata alla Crociata di Urbano II portò l’impero cristiano bizantino ad un avvicinamento con gli stati latini. Questo tumultoso periodo vide quindi una reciproca scoperta, molte delle volte anche conflittuale, tra i due centri di potere dell’Europa medievale: Roma e Costantinopoli. L’Italia, ancora parte attiva in questa evoluzione storico-sociale, divenne terreno di scontro tra diverse sfere di influenza. Manuele, nipote di Alessio, e Federico II Barbarossa Imperatore germanico, furono i due grandi protagonisti di questo periodo. Scopo della conferenza è analizzare sotto l’aspetto politico, storico e letterario, il lungo secolo Comneno visto sia d’Oriente che da Occidente. L’analisi delle grandi figure di Manuele I Comneno e Federico Barbarossa, specialmente per quanto riguarda l’intreccio di interessi nella penisola italiana, sarà il fulcro della discussione. Durante il dibattito il prof. Gallina anticiperà l’uscita della sua prossima fatica, una Storia dell’Impero bizantino fino al 1204. Per ogni altra informazione visita il sito www.imperobizantino.it scarica il programma (.PDF)

Condividi questa pagina su
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.